jump to navigation

Riprendiamoci Telecom il 16 aprile aprile 9, 2007

Posted by gughi in Beppe Grillo, Telecom Italia, telefonia.
add a comment

Tutti sanno che il 16 aprile prossimo, alle ore 11,00 in Rozzano (MI), Viale Toscana, 3, Beppe Grillo parteciperà al cda di Telecom Italia in qualità di delegato di migliaia di piccoli azionisti della società. Il Beppe nazionale ha predisposto una pagina informativa per tutti coloro che non erano a conoscenza dell’iniziativa e volessero partecipare al cda, condividendo l’obiettivo del comico genovese: riappropriarsi di Telecom Italia.

Ecco cosa bisogna fare:

  1. Richiedere alla banca presso la quale sono depositate le proprie azioni di fornire a Telecom Italia le informazioni a consentire la partecipazione dell’azionista all’Assemblea;

  2. Farsi rilasciare subito una copia della Comunicazione inviata a Telecom Italia (e/o altra ricevuta o attestato), necessaria per partecipare all’Assemblea;

Chiedo a tutti i frequentatori di questo blog di divulgare questa notizia il più possibile e di sostenere questa iniziativa.

Per saperne di più, cliccate qui.

Aggiornamento 16.4.2007. Beppe è intervenuto al cda di Telecom Italia ed è stato straordinario. Per saperne di più

Buona Pasqua aprile 8, 2007

Posted by gughi in auguri.
add a comment

Voglio rivolgere gli auguri di una serena Pasqua a tutti i visitatori quotidiani ed occasionali delle pagine di “sblogghiamo”, a tutti i possessori di blog e a tutti coloro che hanno la passione per il web. AUGURI!!!

Domini .safe per conbattere il phishing? aprile 5, 2007

Posted by gughi in informatica e dintorni, internet, phishing, sicurezza informatica.
1 comment so far

A breve potrebbe essere questa la soluzione al fenomeno delle frodi online. L’ICANN potrebbe introdurre il nuovo dominio .safe e consentirne l’utilizzo solo a banche e altre istituzioni finanziarie legittime, previa registrazione con produzione di adeguate credenziali.Infatti secondo le stime più recenti gli italiani che visitano regolarmente siti di banking sono aumentati del 10% rispetto al 2005. Purtroppo però sono cresciute a ritmo vertiginoso anche le frodi online. Pare che nel 2006 nel mondo siano state denunciate 207.492 truffe attuate via internet, con una perdita di 198,4 milioni di dollari. Cifre impensabili fino a qualche anno fa.

Bisogna correre ai ripari per porre un freno al fenomeno. Ecco il perchè della proposta di introdurre un dominio .safe (o anche .sure o .bank), che solo istituzioni finanziarie autentiche sarebbero autorizzate a utilizzare. I benefici che si spera di ottenere sono facilmente intuibili. Il malcapitato navigatore che si vedesse recapitare l’e-mail truffa dal finto istituto bancario, potrebbe facilmente accorgersi del tentativo di frode, verificando l’estensione del dominio sul quale è stato dirottato. Qualora non si trattasse di un dominio .safe (o .sure o .bank) avrebbe la conferma del tentativo di phishing in corso e se la darebbe a gambe (in senso telematico) da quel sito. Anche le aziende specializzate in sicurezza informatica, avrebbero più elementi su cui basare i loro controlli delle e-mail e del traffico web.

Probabilmente l’introduzione del nuovo tipo di nome a dominio non risolverebbe del tutto il problema delle frodi attuate via internet ma potrebbe di certo ridurlo, perchè renderebbe facilmente riconoscibili le URL riconducibili alle banche, limitando in modo significativo il rischio per gli utenti di vedersi reindirizzati su siti clone.

Di certo l’unico modo per per garantirsi la sicurezza sul web è quello di prestare la massima attenzione durante la navigazione. Nessun istituto bancario ormai chiede tramite e-mail ai propri clienti di fornire codici o password ed è buona norma accedere al sito di banking esclusivamente digitando la url nella barra degli indirizzi, non salvare mai le relative password e svuotare la cache del browser dopo aver compiuto le operazioni online.

Fioccano gli operatori virtuali aprile 4, 2007

Posted by gughi in CoopVoce, telefonia, Tim, Vodafone.
1 comment so far

 

operatore virtuale

Dopo la notizia dell’imminente ingresso nel mercato della telefonia mobile di Poste Italiane come operatore virtuale, cioè come gestore privo di una propria infrastruttura di rete, ecco arrivare altre novità nel settore: i colossi della grande distribuzione commerciale mostrano grande interesse per questo mercato e si propongono come alternative (speriamo) valide ai gestori attuali.

Carrefour, forte della sua esperienza nel mercato francese, lancia anche in Italia il marchio “UNOMobile”, avvelendosi delle infrastrutture di rete di Vodafone e offrendo traffico voce, Sms e traffico dati. Le sim di “Carrefour-UNOMobile” avranno numerazioni precedute dal prefisso 3773. Ovviamente tutte le operazioni potranno essere effettuate in tutti i punti vendita nazionali Carrefour oltre che on line.

Anche Coop, colosso italiano della grande distribuzione, non si lascerà sfuggire l’occasione di entrare nel business della telefonia mobile. Suo partner sarà Tim e le numerazioni saranno caratterizzate dal prefisso 3311. Anche in questo caso i soci e i clienti Coop potranno acquistare e ricaricare le sim di Coop-Voce presso i punti vendita nazionali e sul sito e-coop.it. Il servizio clienti risponderà al numero 188.

Presto saranno rese note le tariffe praticate dai nuovi gestori che tutti si augurano essere concorrenziali e, aggiungo io, trasparenti.

La speranza è di vedere un po’ di vera e sana concorrenza e non il solito cartello a cui siamo ormai abituati in Italia.

Beppe Grillo mattatore al Palalottomatica aprile 2, 2007

Posted by gughi in attualità e notizie, Beppe Grillo.
add a comment

 

Reset: è questo il titolo del tour 2007 del personaggio più coraggioso e carismatico dei nostri tempi. Un vero mito vivente che ormai è riduttivo definire comico. Ieri sera ho avuto la fortuna di assistere alla sua quinta serata romana e Beppe era in forma più che mai. Incontenibile come sempre, Grillo ha affrontato tutte le tematiche che più gli stanno a cuore, conosciute da tutti coloro che lo seguono attraverso i suoi spettacoli e il suo aggiornatissimo blog.

Nelle due ore e mezza abbondanti di show, come di consueto, non ha risparmiato nessuno: per quanto riguarda la politica, D’Alema (“invece di rilasciare interviste a Vanity Fair deve alzare il c..o ed andare in Afghanistan…”), Prodi, Berlusconi (“se torna quell’altro giuro che mi ammazzo in diretta…”), Bersani, mandato letteralmente affan…o per essersi attribuito i meriti dell’abolizione dello scatto alla risposta, Mastella. Ma oviamente non sono mancati strali per i vari Tronchetti Provera, Benetton, Montezemolo e Garrone.

Come tutti i suoi fans sapranno, Grillo non si ferma alla pura e semplice denuncia politica e sociale, ma propone e promuove molte iniziative concrete. Anche questa volta Beppe non si è smentito ed ha illustrato a modo suo tutte le sue campagne, tra cui spiccano quella contro la realizzazione degli inceneritori e quella contro il progetto di conversione a carbone della centrale elettrica Torre Valdaliga Nord di Civitavecchia. Ma il momento di maggior tripudio è stato quello in cui ha annunciato ai diecimila del Palalottomatica la sua presenza, quale delegato di migliaia di azionisti minori, alla riunione del cda di Telecom Italia il prossimo 16 aprile 2007. Al grido di “gli faremo un c..o così” vi assicuro che a momenti veniva giù il palazzetto per gli applausi. Per concludere consiglio a tutti coloro che vivono in un luogo in cui si terrà una serata di Beppe Grillo di non lasciarsi sfuggire l’occasione di assistere a questa esplosione di energia pura. A patto di trovare ancora i biglietti…