jump to navigation

Wind 10 rimanga tale per sempre! marzo 30, 2007

Posted by gughi in diritto, telefonia, Wind.
trackback

Ci siamo trasferiti su www.sblogghiamo.net.

La “guerra” al gestore arancione è aperta più che mai. Aduc affila le armi e pubblica un facsimile di diffida a non effettuare la rimodulazione del piano tariffario da Wind 10 a Wind 12. Questo documento va inviato, a mezzo racc. A.R., alla sede legale di Wind e all’Agcom e, a mezzo posta ordinaria, all’Aduc stessa. Vi posto il modello in versione integrale:

Spett.le Wind
Via Cesare Giulio Viola 48 – 00148 Roma

per conoscenza

– Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni
Centro Direzionale, Isola B5 – Torre Francesco – 80143 Napoli
Fax 081/7507616 – Tel. 081/7507111

– Aduc – Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori
Via Cavour 68, 50129 Firenze (per posta ordinaria)

(luogo e data) …….

Oggetto:
contestazione legittimita’ cambio piano tariffario Wind 10 – Wind 12

Utenza n.……….. intestata a ……….. abitante in via ………… n. …… cap/citta’ …….

Spettabile Wind,
con la presente si contesta la rimodulazione del piano tariffario di telefonia mobile da Wind 10 a Wind 12, che mi avete notificato nei giorni passati. Le clausole del contratto che consentono questi aumenti da parte vostra sono vessatorie e quindi nulle.
Nello specifico:
1 – nel contratto (artt. 2.4 e 3.3) sono vessatorie le clausole che prevedono modifiche contrattuali e di servizio. Il Codice al Consumo (d.l. 206/2005, articolo 33, comma 2, lettera m) individua come vessatorie quelle condizioni che consentono “al professionista di modificare unilateralmente le clausole del contratto, ovvero le caratteristiche del prodotto o del servizio da fornire, senza un giustificato motivo indicato nel contratto stesso“. Giustificato motivo che non compare nel vostro contratto e neppure nel messaggio con cui me ne avete dato comunicazione.
2 – Il vostro comportamento determina a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto (articolo 33, comma 1 del Codice del Consumo).
3 – L’art. 2.4 del contratto e’ illegittimo perche’ viola anche il Codice delle Comunicazioni elettroniche (dl 259/2003, articolo70 comma 4). Vi si legge:
“WIND proporra’ al Cliente eventuali modifiche del Contratto tramite comunicazione scritta nella fattura successiva o con altro mezzo”. Questo presuppone che voi possiate modificare le condizioni generali (ed anche le tariffe), salvo comunicarlo uno o piu’ mesi dopo in fattura: l’utente -anche recedendo senza penali- si troverebbe di fronte ad uno o piu’ mesi di fatture maggiorate e gia’ pagate. La legge, invece, dice che gli aumenti devono essere comunicati almeno un mese prima del loro avvio, si’ da dare all’utente la possibilita’ di recedervi.

Si intima
pertanto, di non procedere a questa rimodulazione, dandomene comunicazione entro e non oltre 15 gg dal ricevimento della presente raccomandata, con l’avviso che in difetto si adiranno le vie legali, onde ottenere quanto richiesto nonche’ la rifusione del danno subito.

Distinti saluti,

(firma)

Annunci

Commenti»

1. thisend - marzo 30, 2007

ottimo direi..

2. Wind multata per la vicenda rimodulazioni « sblogghiamo - ottobre 23, 2007

[…] Ottobre 23, 2007 Posted by gughi in Tre, Wind, telefonia. trackback Ne avevo parlato a suo tempo e l’intera rete lo aveva fatto. A tutti la rimodulazione tariffaria attuata da […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: