jump to navigation

Verbale della Polizia Stradale: nulla l’opposizione alla Prefettura marzo 15, 2007

Posted by gughi in attualità e notizie, diritto, sfoghi personali.
trackback

Ci siamo trasferiti su www.sblogghiamo.net

Giustizia

Con la sentenza n. 1010/07 del 10.10.06 la seconda sezione della Corte di Cassazione si è pronunciata per

l’inammissibilità di un’opposizione avverso un verbale dalla Polizia Stradale, perchè proposta con ricorso indirizzato alla Prefettura anzichè al Ministero dell’Interno.

Ecco alcuni passaggi della sentenza:

“Osserva la Corte che l’odierno ricorso per cassazione è stato notificato al Ministero dell’Interno presso l’avvocatura generale in Roma, mentre l’originaria opposizione alla Prefettura di Isernia, indicata come parte nella sentenza impugnata e rimasta contumace.”

“trattandosi di verbale della polizia stradale, fin dall’inizio doveva essere instaurato il giudizio nei confronti del Ministero dell’Interno, con la conseguenza che l’opposizione andava dichiarata inammissibile.”

“né rileva che la notificazione dell’opposizione e del pedissequo decreto di fissazione di udienza abbia luogo a cura della cancelleria dacché l’indicazione della giusta controparte incombe all’attore a pena di nullità dell’atto introduttivo per il combinato disposto degli artt. 163/II/2 e 164/I c.p.c., non derogati dall’art. 23/II legge 689/81, nel quale d’altronde la menzione dell’autorità che ha emesso l’ordinanza deve intendersi riferita all’organo dell’amministrazione attributario del potere di rappresentanza esterna e non ad alcuna articolazione periferica.

Nel caso di specie, il cittadino aveva impugnato il verbale della Polizia Stradale con ricorso proposto contro la Prefettura, e non contro il Ministero dell’Interno. Tale ricorso, depositato presso la Cancelleria del Giudice di Pace di competenza, era stato erroneamente notificato dagli addetti della Cancelleria alla Prefettura. In ogni caso, se errore c’era stato, era imputabile più alla Cancelleria del Giudice di Pace che al cittadino. Infatti gli impiegati avrebbero potuto e dovuto, ricavandolo dal verbale agli atti, individuare nel ministero il soggetto a cui indirizzare le copie del ricorso e del decreto di fissazione dell’udienza. Ebbene, la Corte di Cassazione, rilevando d’ufficio il “difetto di legittimazione passiva”, ha dichiarato inammissibile l’opposizione senza esaminare nel merito i motivi d’impugnazione proposti dal ricorrente.

Questa sentenza dà un quadro dello stato di salute del sistema giudiziario italiano. Un sistema arrugginito, cavilloso, in cui il cittadino non riesce ad ottenere risposte convincenti alle sue più o meno legittime doglianze. Un sistema in cui un vizio formale genera un diniego di giustizia.

E quando vince la procedura muore il diritto…

Annunci

Commenti»

1. raimondo d'antonio - dicembre 13, 2007

ho presentato ricorso al prefetto avverso verbale di contravvenzione stradale; il ricorso veniva rigettato; voglio impugnarlo innanzi al g.d.p.; posso difendermi nel merito o solo sulle motivazioni addotte dalla prefettura? grzie ciao

2. gughi - dicembre 14, 2007

Puoi difenderti anche nel merito. In bocca al lupo 😉

3. Giulia - maggio 2, 2009

ho fatto ricorso al GdP avverso verbale della polizia municipale ed il mio ricorso è stato accolto. ora mi è stata notificata l’ordinanza ingiunzione del prefetto relativa al medesimo verbale opposto! a chi devo notificare il provvedimento del GdP? al prefetto o alla polizia municipale? Grazie


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: