jump to navigation

Il pinguino aziendale novembre 9, 2006

Posted by gughi in Beppe Grillo, informatica e dintorni, Linux.
trackback

Linux
Dopo il benefico polverone sollevato da Beppe Grillo sul suo blog, auspico e prevedo un futuro radioso per il pinguino: non solo per quello domestico ma ora anche per quello aziendale. E’ facile prevedere che l’azione del “comico” genovese a sostegno di Linux e dell’open source non si fermerà certo alla pubblicazione di un post sul suo blog. Già pregusto il maxischermo del suo prossimo spettacolo animarsi con il caricamento di una Debian, di una Ubuntu o di una Fedora (non me ne vogliano i sostenitori di altre distro) e vedo Beppe lanciare in sequenza Firefox 2.0, OpenOffice.org, MPlayer, The Gimp, spiegando che tutto ciò che compare a video è GRATIS e non è poi così difficile per chiunque ottenerlo in una mezz’oretta, senza avere particolari conoscenze informatiche. Inutile dire che io sono dalla parte di Beppe Grillo senza alcuna riserva e credo che una migrazione degli uffici pubblici da Windows a Linux, fatta per gradi e con una oculata pianificazione, sarebbe praticabile ed opportuna. Scorrendo il post di Beppe Grillo ho potuto vedere che alcuni hanno criticato un’idea del genere, dissertando sulla gratuità solo apparente dell’open source e sostenendo che una migrazione su Linux celerebbe in realtà ingenti costi. Costi dovuti all’installazione del sistema sulle singole macchine ed all’addestramento degli utenti finali, vale a dire, gli impiegati. Tali costi azzererebbero addirittura l’innegabile vantaggio del risparmio dei costi di licenza. Io non so che tipo di applicazioni si utilizzino negli uffici pubblici ma stento a credere che i costi di migrazione a Linux di un ufficio pubblico, ad esempio di un comune, possano essere così esosi. Ed anche se così fosse, alla lunga, il ritorno economico, prima o poi, arriverebbe. Senza contare i vantaggio in termini di sicurezza. Una macchina Linux è MOLTO meno vulnerabile ed è più protetta anche dai danni che derivano da un errato utilizzo da parte dell’utente. E poi non dimentichiamo che in giro per il mondo sono sempre più numerosi gli enti pubblici e privati che hanno portato a termine con successo operazioni di migrazione a Linux. Quindi, sosteniamo questo pinguino, facciamolo entrare nelle nostre case e nei nostri uffici e…… sicuramente non ce ne pentiremo.

Annunci

Commenti»

1. andrea - novembre 9, 2006

> “Già pregusto il maxischermo del suo prossimo spettacolo animarsi con il caricamento di una Debian, di una Ubuntu o di una Fedora”

Già, sarebbe bello, visto che nel suo ultimo spettacolo scorreva le pagine web con Internet Explorer… ecceccavolo, almeno un Firefox poteva utilizzarlo 😐


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: