jump to navigation

Tritiamo i rifiuti ottobre 16, 2006

Posted by gughi in attualità e notizie.
add a comment

In epoca di intercettazioni telefoniche illegali, microcamere, cimici e truffe in rete, si sa, c’è poco da star tranquilli. Viviamo ormai nel terrore che ci venga sottratta la nostra identità. Ma una cosa non ci aspettavamo. Di dover fare attenzione anche quando cestiniamo i documenti. D’ora in poi dovremo tritarli, bruciarli, disintegrarli, perche ora i ladri d’identità attingono proprio ai rifiuti. La notizia arriva dalla Gran Bretagna ed è di quelle che fanno sorridere, ma non troppo. Il 97% degli inglesi butta nella spazzatura documenti contenenti dati sensibili (numero di conto corrente bancario, numero di carta di credito) o documenti su cui è impressa la propria firma. Ed è proprio lì che i truffatori si impossessano di tutto ciò che può essere utile per mettere a segno i loro colpi.

Ancora emergenza rifiuti in Campania ottobre 16, 2006

Posted by gughi in attualità e notizie, emergenza rifiuti.
3 comments

E’ dal 1994 che la Campania si trova in stato di emergenza per i rifiuti. Da qualche settimana è nuovamente emergenza. Ed ecco andare in scena la stessa tragicommedia di sempre. I soliti attori: Governo, Regione Campania, Protezione Civile, Commissariato Straordinario per l’emergenza rifiuti, c’è chi dice malavita organizzata. Il medesimo copione: ecoballe, inceneritori (altrimenti detti termovalorizzatori), stoccaggio, siti provvisori, raccolta differenziata, organico, indifferenziato ecc.
Ma da 12 anni la rappresentazione finisce così:

rifiuti

Ora io mi chiedo: l’emergenza può essere perenne?

Dateci il benvenuto ottobre 16, 2006

Posted by gughi in uncategorized.
1 comment so far

Siamo on line da pochi minuti. Il tempo di dare un aspetto decente a questo blog. C’è molto da lavorare e si vede, ma ci sarà tempo per farlo. Tuttavia qualcosa bisogna pur scrivere per non lasciare vuota la pagina iniziale. Certo vista l’ora (02,30 del mattino) non si possono pretendere frasi ad effetto e di sicuro queste righe non rimarranno impresse nella memoria. Allora che senso ha sforzarsi, da domani “sbloggheremo”, per ora ci limitiamo a chiedere a chi legge di darci il benvenuto ed a ringraziare chi ospita il nostro blog.

A presto.